SS. Trinità

SS. Trinità

Chi è Dio? Dobbiamo riconoscere che siamo di fronte ad una domanda alla quale è difficile rispondere perché non è possibile raccogliere il Mistero di Dio in una definizione. La celebrazione della SS. Trinità offre la possibilità di affacciarci a questo Mistero, soprattutto se teniamo conto che è celebrata a conclusione del Tempo pasquale. Infatti, il cammino ritmato dall’Anno liturgico, dal tempo di Avvento alla Pentecoste, ci ha fatto contemplare l’opera del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo nella storia della salvezza. La liturgia celebra la Trinità raccontandola. Lo fa prima di tutto attraverso le parole di Mosè al popolo: “ha mai tentato un dio di andare a scegliersi una nazione in mezzo a un’altra con prove, segni, prodigi e battaglie, con mano potente e braccio teso e grandi terrori, come fece per voi il Signore, vostro Dio, in Egitto, sotto i tuoi occhi?”. Ma la liturgia ci racconta il Mistero della Trinità proclamando in questo giorno la promessa di Gesù ai suoi discepoli: “Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo”. Nelle parole “Io sono con voi” comprendiamo che la Trinità è soprattutto un’esperienza d’amore che coinvolge ogni uomo disposto a lasciarsi afferrare dalla sua Presenza. Papa Benedetto XVI spiega questa esperienza con parole semplici ma luminose: «(Dio) non vive in una splendida solitudine, ma è piuttosto fonte inesauribile di vita che incessantemente si dona e si comunica» (Angelus 2009). In questa luce diventa più facile comprendere la missione che Gesù affida ai suoi discepoli: “Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo”. Siamo battezzati nel nome della Trinità per entrare nella dinamica dell’amore che ha in Dio la sua sorgente. Se è vero che il Mistero della Trinità ci mette di fronte alla distanza tra l’uomo e Dio, e altrettanto vero che siamo “battezzati” cioè “immersi” in questo Mistero per vivere la prossimità di Dio nella nostra vita.

 

don Mimmo

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *